Username
Password:  
Utente
Azienda
Al salone tedesco, tutti contro l'anidride carbonica
Sarà l’anidride carbonica la nuova emozione dell’auto. E sì, l’oggetto che più ha fatto sognare l’uomo negli ultimi cent...
Clima, l’Italia si surriscalda 4 volte più degli altri Paesi
ALLARME AFA -  L’impennata delle temperature causa al nostro Paese danni per 50 miliardi di euro all’anno. Per ques...
“Stop agli aumenti ingiustificati Autunno nero per le famigl
Le famiglie non possono sopportare altri rincari. Le associazioni dei Consumatori chiedono al Governo di bloccare i prev...
Le faccine? Roba da grandi
C’era una volta lo smile. Sorrideva sornione nel suo faccione giallo sulle t-shirt in voga una ventina di anni fa. Ma so...
In vacanza oltre 22 milioni di italiani Città semivuote
L’ESODO - Spiagge piene da ieri, quando sono iniziate, con qualche giorno d’anticipo sul calendario, le “ferie d’agosto”...

AGENDA EVENTI
APRILE 2020 »
LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930
Come leggere i colori dell'agenda
Arte
Cultura
Sport
Musica
Manifestazioni

Appuntamenti del giorno: 05/03/2007

Lunedì 05 Marzo 2007 Teatro Padre Turoldo Taranto
Di Figlio Padre, Di Figlia Madre  

TARANTONONDORME rassegna di teatro di narrazione.

L’Associazione di Promozione Sociale tarantina “Punto A Capo” si accinge a realizzare la seconda edizione del progetto “Tarantonondorme, piccola rassegna di teatro della narrazione”, che lo scorso hanno ha portato nella nostra città alcune delle migliori espressioni del circuito nazionale di questo genere

Il tarantino Alessandro Langiu, classe 1973, porta in scena la sua nuova produzione dal titolo Di Figlio Padre, Di Figlia Madre

uno spettacolo/concerto molto animato, che ha rappresentato la Puglia durante il centenario della CGIL. Sul palco anche Marianna Campanile e il Valnades Art - Trio di chitarre classiche e percussioni.

Il protagonista della narrazione è Abo, un giovane tarantino che dopo la maturità nel 1990 decide di smettere di studiare per cercare lavoro. I suoi amici più cari e i suoi parenti emigrano al nord, ma lui vuole provare a rimanere nella sua città.

Trova piccoli impieghi come agente immobiliare e rappresentante: sono i lavori di oggi, veloci a consumarsi e a consumare le persone. Ma queste esperienze ben presto si esauriscono e senza risultato alcuno. Sullo sfondo il confronto continuo con il nonno che è stato operaio ai cantieri navali di Taranto e che ha vissuto le più dure lotte operaie.

Proprio quando sembra ormai sopraffatto dallo smarrimento Abo incontra Stecco, un compagno dei tempi del militare, che lo convince ad andare a lavorare con lui in campagna. Qui il protagonista ritroverà un rapporto sano col lavoro e con se stesso, lontano dalle forzature e dalla prepotenza della precarietà moderna.


Teatro Padre Turoldo
Taranto
ore 21.30
ingresso 7 euro

fonte: iltaccodibacco.it


Torna alla Homepage

[L'idea]   [I Vantaggi]   [Il tuo Business]   [Contattaci]  [Forum]  [Video Chat]