Username
Password:  
Utente
Azienda
Al salone tedesco, tutti contro l'anidride carbonica
Sarà l’anidride carbonica la nuova emozione dell’auto. E sì, l’oggetto che più ha fatto sognare l’uomo negli ultimi cent...
Clima, l’Italia si surriscalda 4 volte più degli altri Paesi
ALLARME AFA -  L’impennata delle temperature causa al nostro Paese danni per 50 miliardi di euro all’anno. Per ques...
“Stop agli aumenti ingiustificati Autunno nero per le famigl
Le famiglie non possono sopportare altri rincari. Le associazioni dei Consumatori chiedono al Governo di bloccare i prev...
Le faccine? Roba da grandi
C’era una volta lo smile. Sorrideva sornione nel suo faccione giallo sulle t-shirt in voga una ventina di anni fa. Ma so...
In vacanza oltre 22 milioni di italiani Città semivuote
L’ESODO - Spiagge piene da ieri, quando sono iniziate, con qualche giorno d’anticipo sul calendario, le “ferie d’agosto”...

AGENDA EVENTI
LUGLIO 2018 »
LMMGVSD
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
Come leggere i colori dell'agenda
Arte
Cultura
Sport
Musica
Manifestazioni

Clima, l’Italia si surriscalda 4 volte più degli altri Paesi

ALLARME AFA -  L’impennata delle temperature causa al nostro Paese danni per 50 miliardi di euro all’anno. Per questo, alla conferenza di Roma sui cambiamenti climatici, il ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio chiede di investire di più nella prevenzione e di ridurre i gas serra.

Il caldo globale causato dall’inquinamento in Italia è più caldo chemai. Nel nostro Paese, infatti, le temperature sono aumentate quattro volte di più che nel resto del mondo. E i danni causati dal cambiamento climatico costano al nostro Paese intorno ai 50 miliardi di euro l’anno. Lo rivela il “rapporto Stern sull’inazione” presentato ieri dal ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio durante la conferenza nazionale sui cambiamenti climatici di Roma. Mediterraneo bollente L’area del Mediterraneo, infatti, è più esposta al surriscaldamento causato dai gas serra, primo fra tutti l’anidride carbonica.

Se il riscaldamento del pianeta continuerà a questi ritmi, “tra 40-50 anni le estati torride come quella del 2003 potrebbero essere la normalità”, spiega Antonio Navarra, direttore del Centro euromediterraneo sui cambiamenti climatici. E la temperatura media sull’area potrebbe alzarsi di cinque-sei gradi, soprattutto nei mesi estivi. Portafogli in secca Ma gli effetti del caldo si fanno già sentire, anche sulle tasche degli italiani.

“I costi per far fronte ai danni prodotti dai cambiamenti climatici si stimano intorno ai 50 miliardi di euro l’anno”, dice il ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio. Secondo il quale, per tagliare le nostre emissioni di gas serra, servono dai 3 ai 5 miliardi di euro all’anno.Mentre almeno un altro miliardo e mezzo andrebbe speso per le cosiddette “misure di adattamento”. Cioè per limitare le conseguenze negative dei cambiamenti climatici già avvenuti (siccità, inondazione e simili).

Un piano per il futuro - Sono tanti soldi. Ma sempre meno di quanto costa non fare niente. “Non agire significa pagare un prezzo tra 10 e 40 voltemaggiore”, avverte Pecoraro Scanio. Che dalla conferenza sul clima iniziata ieri vorrebbe tirar fuori “un vero e proprio pacchetto per la sicurezza ambientale”. Poi bisognerà trovare i soldi per realizzarlo. (CITY)

inserita il 13/09/2007, autore/fonte: city

Torna alla Homepage

[L'idea]   [I Vantaggi]   [Il tuo Business]   [Contattaci]  [Forum]  [Video Chat]